Soldati, sindacalisti, schedine truccate, denunce, brogli (o presunti tali), persino inchieste. L’edizione appena conclusa, con il trionfo di Mahmood e le proteste di Ultimo, non fa eccezione: la scelta del vincitore di Sanremo è sempre stata fonte di polemiche. Stavolta è diventata addirittura un caso politico, scontro ideologico tra popolo e élite: da una parte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Brizzi zen riparte dal “cerchio di fiducia” e dal telefono spento

prev
Articolo Successivo

Occhio all’ascolto: “Soldi” vince ancora poi si “classificano” Ultimo e Irama

next