“È una stronzata rara, ahahah!”. La voce di Mara Maionchi non sarà delle più melodiose, ma la sua risata è una sentenza. Lo sventurato Francesco Renga, invece di andare a dormire dopo la quarta serata sanremese, ha concionato al Dopofestival sulla supremazia canora tra i sessi. A chi gli chiedeva un parere sulla scarsa presenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cachet da 48mila euro a cantante. Agli autori oltre un milione di euro

prev
Articolo Successivo

Da Patty al Volo, tutto il peggio dell’edizione n. 69

next