Libia, migranti, Tav, economia, Gilet gialli. I rapporti tra il nuovo governo italiano e i cugini d’Oltralpe sono complicati per diverse ragioni, e lo sono stati dal principio. Emmanuel Macron è uno degli obiettivi privilegiati delle polemiche dei due vicepremier. Matteo Salvini ha un intero vocabolario di appellativi per il presidente francese: l’ha definito un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dalla “lebbra” al “vomito”: il crescendo dei “cugini” nella sfida con Palazzo Chigi

prev
Articolo Successivo

Tav, “emergenza tir”? Ogni giorno 2100 camion dal Frejus, un terzo di quelli della semideserta Brebemi

next