In periferia la vita va un po’ così, tutto scorre e tutti siamo un po’ complici, come racconta Pavese quando scrive ne La casa in collina: “’Non sei mica fascista?’, mi disse. Era seria e rideva. Le presi la mano e sbuffai. ‘Lo siamo tutti, cara Cate – dissi piano. – Se non lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

I poveri che non lavorano prenderanno come quelli che lavorano, perbacco!

prev
Articolo Successivo

Mail Box

next