Dice: “Le ricorrenti crisi finanziarie indicano che i mercati non sono in grado di autoregolarsi e che l’instabilità finanziaria può avere effetti economici e sociali potenzialmente devastanti”. Dice: “Il contenimento dei rischi di mercato derivanti dal possesso di strumenti finanziari opachi e illiquidi registra progressi insufficienti: l’esposizione delle maggiori banche dell’Eurozona agli strumenti ‘di II […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Flashback

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria 2701

next