Chi ride di Banfi all’Unesco scorda la “nipote di Mubarak” Salvini ha ironizzato sulla scelta dell’alleato di governo Di Maio di nominare Lino Banfi come rappresentante dell’Italia all’Unesco. Non mi ricordo un analogo atteggiamento quando era alleato di Berlusconi che imperversava nelle cronache politiche e giudiziarie, senza subire censure o perlomeno perplessità da parte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Fuori onda” rischia di finire l’Italia in Europa, non Conte

prev
Articolo Successivo

Stella, Goebbels, Leo & C: l’amore ai tempi dell’orrore

next