Con l’assegnazione oggi del marchio della manifestazione a “Torino, la città del libro”, la nuova associazione dei fornitori e creditori che se lo è aggiudicato all’asta il 24 dicembre scorso grazie alle banche che hanno versato 600 mila euro (400 mila dalla Compagnia di San Paolo, 200 mila dalla Fondazione Crt), il Salone del Libro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

E a Genova arrivò l’ora del primo detective gay

prev
Articolo Successivo

Giorgio Gaber avrebbe 80 anni, ma neppure adesso lo capirebbero

next