Trolley e zaini come fagotto, qualche felpa per ombrello, tutti in fila sulla Tiberina, a caccia di un mezzo per Roma. Sono “almeno un centinaio” e il loro letto sarà un marciapiede o, come pare abbiano già fatto in tre, le stazioni Termini e Tiburtina. È l’altro esodo dal Cara di Castelnuovo di Porto, quello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il comandante ora cambia rotta: “I libici? Un ottimo lavoro”

prev
Articolo Successivo

Macron-Merkel, dietro il trattato non c’è nulla

next