La retedel caporalato sempre più radicata in Nord Italia, ultimo caso tra Cremona e le provincie di Bergamo, Como e Reggio Emilia. In carcere sono finiti un tunisino di 37 anni, il capo dell’organizzazione, e due fratelli marocchini, di 45 e 43 anni, suoi collaboratori. In più sono state spiccate le ordinanze per cinque misure […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Chia, perché la spiaggia delle Dune resti pubblica servono ancora trentamila euro

prev
Articolo Successivo

L’avvocato dei Cucchi denuncia: “Manomesse le radiografie” Nistri: verifiche sui depistaggi

next