La fiction di Rai Uno “La compagnia del Cigno” ha per alcuni il merito di portare a milioni di telespettatori un mondo in Italia poco noto: quello della musica sinfonica e dei conservatorii. Secondo altri, però, ha anche il demerito di raccontare questo universo in maniera assai distorta. In effetti, la figura del maestro “terribile”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pochi sbocchi, meno fondi e vecchi edifici: conservatorio in crisi

prev
Articolo Successivo

Nuto, il partigiano scrittore sempre dalla parte dei vinti

next