Arieccoci. Comincia la quarantesima edizione di Sanremo e con Manolita non stiamo nella pelle, o meglio io, lei subisce il mio entusiasmo. Perché a me di Sanremo piace tutto, dalle acconciature ai mille fiori che adornano il palco, per non parlare dell’orchestra che quest’anno è tornata, forse grazie al conduttore, Johnny Dorelli, l’uomo dalla voce […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Anche nell’Impero c’era il problema dei tifosi violenti

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria

next