Tunisino morto dopo il fermo, Salvini dalla parte della polizia: “Voleva cappuccino e brioche?”

Tunisino morto dopo il fermo, Salvini dalla parte della polizia: “Voleva cappuccino e brioche?”

Continuano le indagini della Procura di Firenze sulla morte di Arafet Araoui, il 31enne tunisino morto giovedì sera dopo un fermo della polizia a Empoli. Ieri la squadra mobile di Firenze e la pm titolare dell’inchiesta Christine von Borries, hanno proseguito nel sentire tutti coloro che sono intervenuti giovedì, quando il giovane ha dato in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.