“La verità è ciò che voglio di più al mondo prima di chiudere gli occhi per sempre”. Sono trascorsi quasi 40 anni dalla morte del giornalista Mino Pecorelli, ma la sorella Rosita ancora non si arrende. Processi, verbali e sequestri per decenni non hanno ancora portato alla luce la verità sull’omicidio compiuto il 20 marzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Caporalato, i 400 braccianti traditi dal sindacato

prev
Articolo Successivo

Salone del Libro, chiusa l’indagine. Rischia il processo anche l’ex sindaco Piero Fassino

next