“Riaprite le indagini. Ecco le nuove prove”

Rosita Pecorelli - La denuncia della sorella del giornalista ucciso nel 1979: “Usata la pistola di un terrorista”
“Riaprite le indagini. Ecco le nuove prove”

“La verità è ciò che voglio di più al mondo prima di chiudere gli occhi per sempre”. Sono trascorsi quasi 40 anni dalla morte del giornalista Mino Pecorelli, ma la sorella Rosita ancora non si arrende. Processi, verbali e sequestri per decenni non hanno ancora portato alla luce la verità sull’omicidio compiuto il 20 marzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.