L’affaire Benalla si fa sempre più intricato. L’ex consigliere per la sicurezza di Emmanuel Macron, già indagato l’estate scorsa per violenza dopo essere stato filmato mentre picchiava alcuni partecipanti al corteo del Primo maggio, è di nuovo posto in stato di fermo da ieri. Questa volta, Alexandre Benalla deve rendere conto davanti ai giudici di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Odio e razzismo, la Polonia come un romanzo di Orwell”

prev
Articolo Successivo

Brexit, il muro di Corbyn: non si tratta sul ‘no deal’

next