Sulla “paga del deputato” e sui vitalizi se ne sono scritte di tutti i colori riaccendendo il greve anti-parlamentarismo sempre latente in Italia. Diciamo subito che, dal 1946 fino agli anni ’80, i parlamentari italiani sono stati i meno remunerati d’Europa. Alla Costituente, nel 1946, il totale della remunerazione era di 40.000 lire al mese, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Un po’ caligola un po’ Ulisse: Renzi è tornato

next