“Era un sanguinario, se lui capiva che io potevo avergli detto una bugia non esitava a colpire me e la mia famiglia. Ho temuto per la vita dei miei fratelli. Se aveva il sospetto che qualcuno poteva collaborare con carabinieri o con magistrati, lui questo non lo mandava giù. Se doveva uccidere anche un bambino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il tweet Salvini e Nutella? Non è il mio modo di reagire

prev
Articolo Successivo

L’ultima marchetta di Salvini. L’Agcom: “Una falla nella legge”

next