Novemila chilometri dall’Italia, a 40 gradi sotto il sole nell’arido deserto del Gobi in Mongolia. Gli unici colori sono il marrone ferroso della polvere delle rocce e l’azzurro del cielo. In questa dimensione sospesa nello spazio e nel tempo, può capitare d’inciampare o di sedersi sopra lo scheletro di un lucertolone. Perché il Gobi è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“I moschettieri? Potevo girarlo solo con 4 amici. Abatantuono, mi manchi”

prev
Articolo Successivo

Sotto l’albero

next