» Commenti
giovedì 13/12/2018

Roma, al Fatebenefratelli brucia un server e le visite specialistiche vanno in fumo. E ci finisco anch’io

Roma, al Fatebenefratelli brucia un server e le visite specialistiche vanno in fumo. E ci finisco anch’io

Un messaggio automatico comunica che non si può contattare il servizio prenotazioni dell’Ospedale Fatebenefratelli, per un guasto non specificato. Dopo qualche giorno, il messaggio cambia, con l’invito a riprovare: “Tutte le linee sono occupate”. Quello dell’Isola Tiberina è l’ospedale al centro di Roma. Ma da giorni e giorni è impossibile contattare il Cup, ovvero il centro unico di prenotazione e dunque, non si può fissare una visita e neanche disdirla. Sembra un’esperienza kafkiana, eppure è molto di più.

In una mattinata plumbea e piovigginosa, l’Ospedale al visitatore e potenziale paziente, si presenta misterioso e disorientato. “Per prenotare una visita, deve andare agli sportelli dentro”, dice l’uomo alla reception. Che cosa è successo? Ormai quasi 15 giorni fa, il primo dicembre, una macchina ha preso fuoco nel garage dell’ospedale. L’incendio è arrivato ai piani superiori e si è bruciato il server, “il cervellone”. Sono stati cancellati tutti i dati riguardanti le visite specialistiche future, a pagamento e non. Nel cortile interno, di fronte ai gabbiotti dove vengono prenotate le visite, c’è una sorta di steward. “Deve cancellare una visita? Vada allo sportello 11”, dice con aria omertosa. Non è così semplice: “Qui noi non abbiamo più gli elenchi. Pazienza, non si presenti”. Sportello accanto: “Ho una visita prenotata, che devo fare?”. “Venga nell’orario dell’appuntamento, magari con l’appunto che ha preso. I medici ci saranno”. Due dottoresse in camice bianco assicurano: “Noi siamo in ambulatorio, aspettiamo i pazienti. Non sappiamo chi deve venire, ma ci siamo”.

Nessuno sa bene fino a quando durerà questa situazione. Pare che ci sia una squadra di informatici al lavoro per ripristinare il ripristinabile e almeno far ripartire il servizio. Nel frattempo, chi al Fatebenefratelli ci lavora dice il meno possibile, nel tentativo di derubricare il tutto a semplice incidente, senza troppe conseguenze. Secondo piano, Cardiologia. Signora in attesa: “Ho un appuntamento con un cardiologo”: “Quale?” “Non so”. “A che ora?” “Alle 14 e 40”. Il medico si guarda intorno: “C’è qualcuno per le 14 e 30?”. Nessuna risposta. “Bene, può entrare. Sa, è andato in tilt il cervellone, non abbiamo l’agenda”.

Ancora sotto, all’entrata dell’Ospedale un cartello informa laconico: “Per problemi tecnici non è possibile effettuare i prelievi ematici e colturali, saranno garantiti solo gli esami di genetica”. Fino a quando? Chissà. E pure gli orari dei ritiri, sono ridotti: solo la mattina. L’informazione si trova sempre all’ingresso, ma sul sito no. “Ma io come faccio? Sono venuta dall’altra parte di Roma”, chiede un’anziana signora furibonda. “Ci dispiace, è andato in tilt il sistema. E ce n’è uno parallelo, ma funziona solo la mattina”, è la spiegazione dell’uomo in portineria. Muro di gomma per necessità. Al Pronto Soccorso c’è meno gente del solito. “Funziona tutto, un po’ a rilento: abbiamo avuto qualche lentezza per gli esami del sangue e la radiologia. È complicato stampare i risultati”. Il dubbio sorge spontaneo: non saranno andate perse le cartelle cliniche? Chi è deputato a rilasciarle assicura di no: è tutto cartaceo, al limite ci vorrà un po’ più di tempo. Chi vivrà vedrà.

In un’epoca di big data, società digitali, esistenze parallele virtuali, pare una beffa. Ma forse è peggio. Il sospetto è che l’origine dell’incendio sia stata dolosa. Laconico un infermiere: “C’è un’inchiesta in corso. Ma ormai il danno è fatto”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Il panico a Torino nel 2017

Piazza San Carlo, resta l’accusa di omicidio preterintenzionale

Resta l’ipotesi di omicidio preterintenzionale contro la “banda dello spray” accusata di aver provocato il panico in piazza San Carlo il 3 giugno 2017, tra i tifosi riuniti di fronte al maxi-schermo per seguire la finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid. Una giovane morì dopo essere stata schiacciata, una donna rimase paralizzata e circa 1500 persone furono ferite. La Cassazione ha respinto il ricorso dei difensori di Sohaib Bouimadaghen, detto “Budino”, e alcuni suoi complici. I giudici hanno confermato l’ipotesi della Procura di Torino, secondo la quale la banda avrebbe provocato la morte di Erika Pioletti e il ferimento di più di 1500 usando uno spray al peperoncino, strumento tornato d’attualità dopo la tragedia di Corinaldo. Secondo l’accusa, la vera arma sarebbe il panico provocato con quel gas irritante. Dopo questo verdetto la Procura chiederà il processo per gli indagati, che si terrà davanti alla Corte d’assise. I pm vogliono unire questo filone e quello amministrativo che coinvolge la sindaca Chiara Appendino, l’ex questore Angelo Sanna e altre 13 persone.

Cronaca

Il Sistri, l’inutile sistema costato 140 milioni

Cronaca

Allarme Xylella, piante infette anche in Toscana. Il ceppo è diverso da quello della Puglia

Commenti
Cosa resterà…

A Sanremo Di Capri pare Baudeleire

di
Commenti
Il CHIERICO VAGANTE

Da Minetti sexy-suora a don Sturzo: lo strano cristianesimo di Silvio B.

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×