Il cuore dell’export ucraino, ovvero il mare di Azov, ha ripreso a pulsare in modo quasi normale. La Russia ha consentito ad alcune navi di entrare nei porti di Mariupol e Berdyansk. Il 25 novembre scorso alcune corvette russe avevano realizzato il primo attacco scoperto contro diverse navi della marina militare di Kiev in entrata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Regeni, 5 indagati. “E in Egitto ancora turture e abusi”

prev
Articolo Successivo

Preso “zu” Settimo. È già finita la prima Cupola post-Riina

next