Mercoledì il signor Carlo Panzavolta – una moglie, due figli, un nipotino – è uscito dalla sua casa di Fusignano, Ravenna, ed è andato al lavoro come al solito, alla Reamar di Bosco Mesola, nel ferrarese, azienda che opera nella lavorazione e nel commercio di prodotti ittici. Poche ore dopo era morto, schiacciato dalla gru […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il più amato dagli italiani

prev
Articolo Successivo

testatina

next