La querelle sulla prescrizione agita di nuovo le acque limacciose della politica italiana, scossa dalle polemiche tra i difensori degli attuali tempi lunghi che consentono di arrivare felicemente all’estinzione dei reati (circa 130.000 ogni anno), e i fautori dell’ora X scandita nell’arco temporale in cui la prescrizione si colloca in quasi tutti i Paesi europei. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

Il Viminale in cambio di un gattino

next