Il vicepremier Di Maio convoca Ordine e sindacato dei giornalisti per un tavolo di confronto sull’equo compenso e sul precariato, loro rifiutano. Con garbo ma neanche troppo: “Prima dovete chiederci scusa per gli insulti”, la motivazione ufficiale fornita al governo. I vertici della stampa italiana non andranno la settimana prossima al ministero dello Sviluppo economico. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

A Corleone grosso guaio per Di Maio: via il candidato M5S

prev
Articolo Successivo

SinistraI misteriosi arcani che tengono legata la base del Pd alla casta dirigente

next