Ah, i Pooh! La band simbolo dell’applicazione sul lavoro! Senza mai una sosta! “Beh, il primo giorno no”, sghignazza Dodi Battaglia, oggi alle prese con un tour e un disco live da solista. Che accadde? Stavano già in giro da due anni quando mi ingaggiarono. Partii con la valigia di cartone da Bologna, inguainato nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Anthony Bourdain, operazione ribollita

prev
Articolo Successivo

Brexit e crisi di nervi: è la “Merrie Land”

next