Dimissioni ministeriali, speculazioni politiche e ipotesi di sfiducia hanno indebolito il governo May, ma non hanno arrestato l’iter dell’accordo con Bruxelles. Di fatto l’accordo ha ancora, in questo momento, l’imprimatur tecnico-legale dei negoziatori e il mandato politico del governo britannico. Il deal, insomma, resta in piedi ed è la piattaforma per i negoziati sugli accordi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

May si aggrappa al referendum: “È la Brexit scelta dai cittadini”

prev
Articolo Successivo

Omicidio Khashoggi: cinque condanne a morte: “Avvelenato e fatto a pezzi”

next