Dopo un mese e mezzo di dinieghi e versioni tanto parziali quanto ridicole, se non fossero state tragiche, Ryad ha ammesso ciò che tutti ormai sapevano. Ovvero che il giornalista Jamal Khashoggi è stato avvelenato da una squadra di membri della sicurezza saudita, all’interno del consolato di Istanbul, con una iniezione contenente una dose letale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sovranità, vincoli Ue e le due Irlande: qui casca il “deal”

prev
Articolo Successivo

Tanto rumore per Netflix

next