La stretta di mano – non è la prima – tra il generale Haftar, l’uomo forte della Cirenaica, e il capo del governo libico d’unità nazionale al Sarraj c’è stata, davanti al premier italiano Giuseppe Conte, che assicura: “La conferenza di Palermo non s’è risolta in una photo opportunity”. Ma l’incontro non ha neppure portato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tel Aviv e la sindrome Shalit: l’incubo dei tunnel di Hamas

prev
Articolo Successivo

La foto del premier e lo spirito dei tempi

next