Alle 15.40 del 3 marzo 2017, con i giornali pieni di pagine sul caso Consip, Tiziano Renzi – il “patriarca dei renziani”, come lui stesso dice che lo chiamano – è in Procura, a Roma. Deve rispondere ai magistrati che lo accusano di traffico di influenze illecite. Non è un giorno semplice né per il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Consip, le intercettazioni tra i Renzi. Matteo: “Devi portare a casa il culo, niente provocazioni”

prev
Articolo Successivo

Addio a Tiberio Barchielli, fotografo dell’ex premier

next