In questo spazio, come alcuni forse sanno, quello stato di totale stupore che bordeggia la trance va sotto il nome di “sindrome della Tammurriata nera”: questo per via di “Io nun capisco ’e vvote che succere / Chello ca se vere nun se crere nun se crere”. Ecco, è a questi versi immortali che la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Avevo successo ma volevo solo buttarmi sotto la metro”

prev
Articolo Successivo

frammento

next