C’ è quella con laurea, master e dottorato, che parla tre lingue e appartiene alla borghesia bene. E poi quella col diploma, lavoratrice autonoma o precaria. C’è quella freddina dal profilo liberale, tutta meritocrazia e internazionalismo, e quella appassionata che invece la scienza la guarda con diffidenza, si veste un po’ fricchettona e il figlio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Marotta all’Inter, si rischia il “pacco”

prev
Articolo Successivo

È come nel Pci: meglio la lotta di classe che quella di genere

next