E fa il vicepremier, il ministro del Lavoro, il ministro dello Sviluppo economico, il capo dei Cinque Stelle, il (quasi) capo del governo: un incarico largo per uno staff molto largo. Luigi Di Maio recluta la sua classe dirigente tra gli ex collaboratori in Parlamento, l’orbita di Casaleggio, gli amici di Pomigliano d’Arco (Napoli) e dintorni. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

C’erano una volta “i danni di Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Tav, in attesa della marcia dei 40 mila contro l’Appendino protestano in 500

next