Il rapporto tra i vertici burocratici del Tesoro scelti da Giovanni Tria e il M5S non è mai stato, eufemizzando, un granché. L’ostilità esplode col caso della “manina” – scoperta da Giuseppe Conte – che aveva infilato nel dl fiscale un articolo che rimodulava i finanziamenti alla gestione commissariale della Croce Rossa aumentandone le spese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“L’industria Garofoli”. Il dipendente in nero rivela come funziona

prev
Articolo Successivo

“Neldiritto Editore”, gioiello da 3,5 milioni di fatturato

next