L’onda di #MeToo diventa uno tsunami su Google: ieri, centinaia di dipendenti del gigante del Web hanno protestato in tutto il Mondo, da Singapore a Londra, da Tokyo a Berlino, da Zurigo all’America. Donne (e uomini) di Google, ingegneri e amministrativi, denunciavano gli episodi di molestie sessuali accaduti nell’azienda e rivelati dal New York Times. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mr. anticorruzione (e anti-Lula) dice sì a Bolsonaro

prev
Articolo Successivo

Senato Usa indaga su Bannon: Trump trema Pugno duro degli Usa su Cuba e Venezuela

next