Tutti d’accordo, senza distinzione di schieramento e di partito. Sul finale di legislatura, i consiglieri regionali sardi presentano la leggina bipartisan con la quale a fine mandato potranno percepire una “pensione integrativa volontaria” in luogo del vitalizio, abolito, ma solo per il futuro (con la manovra del governo dovranno adeguarsi anche al passato), da una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La sinistra lontana dal popolo: la lezione dei funerali di Desirée

prev
Articolo Successivo

Il difficile compromesso con l’Ue che vuole il Colle

next