“Sono rimasto amareggiato, ma non sorpreso. In troppe occasioni abbiamo trovato muri di gomma sulla gestione della Croce Rossa. Abbiamo scritto pagine di storia di questo ente che era motivo di vanto nel mondo, all’epoca di Scelli. Io mi sono anche ammalato per le missioni. Poi leggi queste cose e dici: per che cosa l’abbiamo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il M5S: “Garofoli via dal Mef Dal B&B ai libri, troppi affari”

prev
Articolo Successivo

Dieselgate. È ancora lunga la strada verso i risarcimenti per i proprietari

next