Un tunnel grigio in cui si incanala il vento gelido. Sotto c’è il Baltico, sopra il verde di Tallinn. Il Memoriale delle vittime del comunismo, inaugurato appena due mesi fa, il 23 agosto, si erge come un monito nella Capitale estone. A marzo qui ci sono le elezioni nazionali, a maggio, soprattutto, le Europee. In […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vip e migranti, stesso sangue: arte da importare

prev
Articolo Successivo

“Basta migranti e aborti a spese nostre”

next