“C’è questo libro in cui Tiziano Terzani dialoga con il figlio Folco. La fine è il mio inizio. Gli racconta di un giorno drammatico in Cambogia. Era stato catturato dai Khmer Rossi. Ragazzini di neanche vent’anni, carichi di armi, pervasi da un isterico furore. Lo avevano accerchiato, stavano per sparargli in faccia. Terzani ricordò il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Torino, Appendino comincia la battaglia su piazza San Carlo

prev
Articolo Successivo

Un’adozione difficile “Nostra figlia ci chiamava Hitler e Mussolini”

next