Al Mac Mahon la Gilda del Giovanni Testori ora è un travestito che all’angolo con piazza Pompeo Castelli sorride ai clienti. Tempi che cambiano. Costumi e non solo. Milano laboratorio sociale per l’Italia. Avamposto da sempre per comprendere ciò che sarà. La politica e i suoi estremi. Rivoli carsici pronti a emergere e a esondare. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Predatori omosessuali” e Chiesa: Viganò e le omissioni sulla lobby gay

prev
Articolo Successivo

“Qui siamo tra donne”, anche col fango della guerra

next