I grillini diversi hanno trovato un punto, anzi una linea, in comune. E si chiama “terza via” in Europa, per il Movimento che vuole fare da catalizzatore di nuovi gruppi nel parlamento di Strasburgo. E saluti a destra, sinistra, neofascisti e chissà a chi altri. Non facile a dirsi, difficile a farsi. Però la pensa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Grillo contro i poteri del Colle Chigi: “Riforma non prevista”

prev
Articolo Successivo

La passione dei neo-eletti: “Uscite dal retro e silenzio in Aula, che fatica stare al governo”

next