I talebani hanno mantenuto la promessa: nel giorno del voto per il rinnovo della Camera bassa, si sono scatenati gli attacchi. La premessa per elezioni insanguinate c’erano state due giorni fa a Kandahar; tre morti fra cui il capo della polizia, il vicecapo dell’intelligence e un cameraman, con il comandante delle forze americane Scott Miller […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I rischi di una Libia “alla somala”

prev
Articolo Successivo

I “Forrest Gump” latinos in marcia spaventano Trump

next