Comico, folle, genio. Tre aggettivi in ordine sparso come i tre personaggi affidatigli da Stanley Kubrick nel Dottor Stanamore: Peter Sellers era solo questo, ma in forma estrema. Paradossale fin dalla nascita, con l’aneddoto macabro legato al nome Peter, che era del fratello morto, ma così avevano preso a chiamarlo i genitori. Lui che all’anagrafe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

A lezione con Scorsese. Notti magiche con Virzì

prev
Articolo Successivo

“Scrivo aforismi sui social network. Ma sempre senza offendere nessuno”

next