Si parte oggi, per la tredicesima volta, con la speranza di tenere fede all’intestazione, peraltro storicamente ballerina: Festa del Cinema. Al timone c’è Antonio Monda, l’uomo dei due mondi, Roma e New York: scrittore e amico di scrittori illustri, professore di cinema alla Nyu, democristiano con licenza di incazzarsi, domani compie 56 anni. I prossimi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sergey, l’oligarca che viene dalla vodka

prev
Articolo Successivo

Peter, genio sotto falso nome tra risate, orgasmi e infarti

next