Nelle ultime settimane, è stato un fiorire di candidature alla segreteria Pd testimoniali e improbabili. Concepite più che altro per marcare il territorio e prenotare una propria quota, una rendita di posizione da negoziare con il futuro vincitore. Ma chi può dare credito alle chance di candidature tipo Richetti, Boccia, Damiano? In verità, al momento, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

Scambiatevi un segno di pace (fiscale): in fondo siamo all’osteria

next