Lo scorso 12 ottobre L’Espresso, citando un’inchiesta francese, rivela l’esistenza di una società offshore – coperta dall’anonimato, nel paradiso fiscale delle Isole Mauritius – di cui sono soci Marie Madeleine Ingoba, moglie dell’amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi e Julienne Sassou Nguesso, la figlia del presidente-dittatore del Congo francese. Le carte della società sono state scoperta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Descalzi, la moglie e lo strano business della birra in Congo

prev
Articolo Successivo

“Basta numero chiuso”: il governo pasticcia e rinvia

next