La mano che ha fatto sparire la relazione di servizio, quella firmata dal maresciallo Giuseppe Tedesco, che il 22 ottobre 2009 denunciava il pestaggio di Stefano Cucchi ad opera di due colleghi, non è stata l’unica a manipolare i documenti nella stazione Appia. La parola chiave di questa storia è docspa. Il docspa è il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Stefano Cucchi, l’intervista al comandante generale dei carabinieri: “È bene che si indaghi anche sulla riunione al comando di Roma”

prev
Articolo Successivo

La Camera avverte il governo: “Ora basta decreti fantasma”

next