Ci sono i soldi degli sms solidali, i fondi stanziati dallo Stato e migliaia di cittadini a cui restituire la propria abitazione. A oltre due anni dal primo sciame sismico che la notte del 24 agosto 2016 ha devastato il centro Italia, facendo trecento morti tra Amatrice, Accumoli (Lazio) e Arquata del Tronto (Marche), quasi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il filosofo col pedigree di sinistra che (forse) non sarà mai leader

prev
Articolo Successivo

Trema la Sicilia, crollano cornicioni

next