“Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali”. Dietro a questo striscione – uno dei tanti – hanno sfilato ieri a Roma i lavoratori della cultura nella prima manifestazione nazionale che rivendica più investimenti e contratti di lavoro coerenti. Partiti in corteo sotto la pioggia da Porta San Paolo, centinaia di “precari della cultura”, storici, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Solo 40 squadre “pro” tra A e B, sgravi per la C

prev
Articolo Successivo

Consigli per gli acquisti

next