“Cambiamento”, ne ha scritto Linda Colley sulla London Review of Books, è una delle parole più abusate del nostro tempo. Non è neppure una gran novità, perché da sempre nei periodi di crisi qualcuno vuole che tutto cambi: anche Catilina, all’epoca di Cicerone, voleva il cambiamento a ogni costo, era rerum novarum cupidus; e questo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Taglio degli eletti, Cnel e referendum Fraccaro presenta le riforme costituzionali

prev
Articolo Successivo

Beni comuni. La distanza tra chi valorizza e chi strumentalizza l’arte e il patrimonio

next