“Mi ha insegnato tanto, anche a immaginare gli spazi per la musica in sceneggiatura: perché su un bombardamento è inutile mettercela”. A tenere insieme due mostri sacri quali Giuliano Montaldo, nato a Genova il 22 febbraio 1930, ed Ennio Morricone, nato a Roma il 10 novembre 1928, non sono solo le sedici colonne sonore composte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tutte le note di Morricone, un concerto lungo 90 anni

prev
Articolo Successivo

“Così ho inventato Internet e la porterò su altri pianeti”

next