È destino della politica sudamericana concludersi in dramma. Drammi inenarrabili, come i colpi di Stato e gli assassinii di massa. Oppure drammi giudiziari, come quello che ha colpito l’ex presidente brasiliano Lula o l’ex presidente dell’Ecuador, il “populista” Rafael Correa. Al governo per dieci anni, dal 2007 al 2017, Correa è ora alle prese con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Non tutti sono Nadia Toffa quando lottano col cancro

prev
Articolo Successivo

Kurz ferma il bavaglio degli alleati-ultrà

next