“Non stiamo cercando il nuovo Gadda”. Tocca al saggista Claudio Giunta infrangere, in qualità di giurato, il protocollo delle dichiarazioni formali durante la conferenza stampa del Premio DeA Planeta, il nuovo riconoscimento letterario italiano che ha l’ambizione di cambiare gli equilibri del mercato editoriale. Su un’assolata terrazza di Corso Como a Milano – nella via […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Soltanto il Papa ha la forza di sconfiggere la pedofilia”

prev
Articolo Successivo

“Dobbiamo alzare il livello”: lo Zar carica contro la Serbia

next